Saluti dalla Terra

Ideazione Monica Morini, Bernardino Bonzani, Annamaria Gozzi

 regia Monica Morini, Bernardino Bonzani

drammaturgia sonora Antonella Talamonti

 

con Bernardino Bonzani, Monica Morini, Lucia Donadio, Gaetano Nenna, Elia Bonzani

musiche originali Antonella Talamonti, Gaetano Nenna

 video Alessandro Scillitani
ricerca Annamaria Gozzi

oggetti scenici Franco Tanzi

luci Lucia Manghi 

collaborazione artistica Chiara Ticini

 

ufficio stampa Michele Pascarella

foto Gaetano Nenna

in collaborazione con Reggio Film FestivalFridays For Future Reggio Emilia

e in collaborazione con Fridays For Future Italia

 

Questa casa è in fiamme? O siamo noi a cuocerci lentamente, come rane ignare, nella pentola che abbiamo acceso? Cosa sappiamo e non vogliamo credere? Di cosa ci preoccupiamo davvero? Dal ghiaccio per gli spritz, alla plastica galleggiante dentro le nostre vite fino ai ci pensiamo domani.
Il rischio, parlando di emergenza clima, è di fermarsi ancor prima di iniziare. Di non agire. Forse, come il Barone di Münchhausen, ci salveremo dalle sabbie mobili tirandoci fuori per i capelli. Greta e milioni di giovani si muovono e chiedono un cambiamento radicale nel nostro stile di vita. La Terra non ci appartiene, siamo noi che apparteniamo alla Terra.

le Musiche dal mondo sono dal Golden Record, memoria dei saperi della Terra che sta tutt’ora viaggiando con la sonda Voyager oltre il sistema solare

 

Dicono di noi: 

È riduttivo definire Saluti dalla Terra un testo ambientalista o ecologista: è uno spettacolo d’amore, per noi stessi, per il pianeta dove viviamo, che ci accoglie, che ci sfama, amore per il prossimo che verrà che troverà macerie e distruzione.

Il Teatro dell’Orsa (in scena i compatti e affiatati Monica MoriniBernardino BonzaniLucia DonadioElia Bonzani) fa un teatro civile comprensibile e aperto a tutte le generazioni (questa la loro forza: essere intimi e vicini), il loro modo di stare in scena è un abbraccio, è un prenderti per mano senza darti soluzioni o indicarti con il dito come peccatore. Non giudicano ma ci dicono “Siamo insieme, siamo sulla stessa barca”.

Quelli dell’Orsa hanno carisma e padronanza della scena e dei linguaggi teatrali (dopotutto gli adulti sono soltanto bambini cresciuti) per far passare alti concetti e renderli malleabili, fruibili, edibili, digeribili da una parte con dati scientifici a supporto, dall’altra con scene che folgorano come fulmini, affreschi che impattano, ci scuotono dal nostro torpore, ci smuovono, ci danno la scossa, ci schiaffeggiano, ci risvegliano.

Tommaso Chimenti – 28 marzo 2022

https://www.recensito.net/teatro/saluti-dalla-terra-teatro-orsa-recensione.html

 

Dalla responsabilità cominciano i sogni, per parafrasare Yeats (“dai sogni comincia la responsabilità”). Non si potrebbe in fondo sintetizzare in questa frase la vicenda di Greta Thumberg? Il suo sogno e quello del movimento che ne è seguito parte da un’assunzione di responsabilità: dobbiamo uscire dal miraggio della crescita infinita che i nostri padri hanno costruito. Forse il verso “rovesciato” di Yeats potrebbe fare da chiave a questo “Saluti dalla Terra”. […]

“Saluti dalla Terra” è un gustoso catalogo di sketch dove l’attivismo è colorato da un’ironia leggera e amabile; niente toni apocalittici ma neanche banalizzazioni da varietà engagé. […]

Un varietà della fine del mondo sincero, appassionato, tenero, divertente, dove lo humour umetta appena il pessimismo della ragione.

Franco Acquaviva, Sipario – 31 marzo 2022

https://www.sipario.it/recensioniprosas/item/14331-saluti-dalla-terra-regia-monica-morini-bernardino-bonzani.html


Libera Repubblica degli Spettatori : 

C’è più lotta per il clima in uno spettacolo del Teatro dell’Orsa che a Glasgow. Perchè la catastrofe e ambientale è preceduta da quella morale. Come dimostra l’idea degli italiani sul reddito di cittadinanza. [Andrea Costa]

 Ieri sera alla Casa delle Storie per lo spettacolo Saluti dalla Terra. Una cavalcata per dimostrare come anche il teatro serva al pianeta ridendo e commuovendosi senza la paura di dire che il tempo della consapevolezza dell’emergenza climatica è ora. Applausi a Monica Morini e Bernardino Bonzani per questa nuova impresa. [Federico Amico]

ottimo spettacolo teatrale, emozionante, coinvolgente. [Presidente FEDIC]

il pregio più grande di questo spettacolo è di aver centrato completamente il registro: non si mette mai in cattedra, non fa la morale, e allo stesso tempo non sminuisce l’emergenza, non ha paura di dire che siamo ad un passo dall’essere spacciati. Si ride di un riso genuino e incontenibile, che però lascia presto spazio alla vertigine e al vuoto allo stomaco. [Chiara]

 

il Teatro dell’Orsa ha toccato argomenti che sento “miei”, dentro. L’ha fatto andando oltre, con coraggio! [Lorenzo – Fridays For Future]

questo spettacolo ha una potenzialità enorme. È uno spettacolo necessario, lo devono vedere in tanti. [Fabio]

ti mette davanti alla realtà del mondo in questo momento storico in modo diretto, a tratti crudo e scomodo, e dà una scossa a quell’indifferenza in cui purtroppo molte o troppe persone vivono. Mi ci sono rivista. Mi ha fatto riflettere molto e in modo nuovo. [Rita]

 

uno spettacolo che non si conclude uscendo da teatro, si trasforma nel sassolino in tasca che ti ricorda che DEVI CAMBIARE. Rimane addosso come un soprabito bagnato. [Francesca]

 

Saluti dalla Terra dribbla la ragione, troppo abituata ai “si dovrebbe” e ai “bisognerebbe”, parla direttamente a strati profondi, dove abita la consapevolezza remota e spaesante che siamo un piccolo puntino blu nell’immensità ignota dell’universo. E che siamo in pericolo – [Chiara]

 

Chi è disposto a rinunciare alla propria casa alzi la mano! Nessuno?! Strano, perché se la nostra casa sta in piedi è solo perché si appoggia a una CASA ancora più grande, della cui stabilità sembra interessare a pochi. Sabato sera però, gli abitanti del Teatro dell’Orsa, di mani sono riusciti a farne alzare tante! Mani che avevano voglia di fare la hola, voglia di farsi vedere, voglia di fare qualcosa per salvare la “casa grande”. [Lara]

 

Grazie per l’energia, luce che illumina e fa pensare. Torno a casa consapevole che il cambiamento è necessario e che non sono sola.  [Silvia]

 

contributi video dal laboratorio partecipato Memorie di Futuro

Annachiara Nicolussi; Babou Diarra; Barbara Bonomo; Chiara Ticini; Djibril Dembélé Cheickcna; Elia Bonzani; Ezekiel Ebodaghe; Fabio Davoli; Filomena Tufaro; Francesca Coriani; Giulia Pecoraio; Isabella Polisena; Lorenza Ferrari; Lorenzo Davoli; Lucia Donadio; Lucia Garimberti; Maddalena Morini; Maurizio De Matteo; Monson Kone; Moussa Camara; Sara Iotti; Silvia Cristofori; Sofia Garlassi;

 


Obiettivo 13: Adottare misure urgenti per combattere i cambiamenti  climatici e le loro conseguenze

AGENDA 2030 – Obbiettivo 13

promuovere azioni, a tutti i livelli, per combattere il cambiamento climatico